Header

« | Home | »

COCONUT BREAD

Cucinato da Francesca | 18 giugno, 2007

Ultimamente mi capita spesso di imbattermi in ricette di Bill Granger: la mia passione per questo giovane e affascinante chef australiano è scoppiata al primo istante, sicuramente alimentata dalle sue origini.

Ormai è passato un anno da quando Marco ed io siamo partiti alla volta dell’Australia, l’estate scorsa, e per entrambi è stata una vera e propria folgorazione.

Abbiamo scoperto un paese dove si respira un senso assoluto di libertà, dove si può perdere la cognizione di spazio di fronte a distese sconfinate, percorse in assoluta serenità e leggerezza, avvolti da paesaggi incredibili e protetti da cieli di una bellezza sorprendente.

Durante l’intera vacanza abbiamo affrontato le lunghe giornate di viaggio con ricche colazioni a base di pan cake e maple syrup per poi fermarci solo a metà pomeriggio per un te accompagnato da qualche dolcetto sfizioso… quando ripenso a quei momenti ritorno a quella casetta bianca, accanto a uno dei fari che dominano le scogliere della Great Ocean Road, dalle cui finestre si sprigionava un delizioso profumo di Buy Viagra dolci appena sfornati.

Tornando a Bill Granger, ho recentemente comprato uno dei suoi libri, ricco di ricette sfiziose e corredato da foto meravigliose; da qui ho preso la ricetta di questo dolce al cocco, perfetto a colazione, spalmato con un velo di marmellata di lamponi (ovviamente questa è stata una mia personalissima interpretazione, che tuttavia ha dato soddisfazione!)

Ingredienti:

Preriscaldate il forno a 180°. Sbattete leggermente le uova con il latte e l’essenza di vaniglia; separatamente setacciate la farina con il lievito e la cannella, aggiungete lo zucchero e il cocco grattugiato.

Aggiungete quindi il composto di uova e mescolate fino a che gli ingredienti non saranno ben amalgamati; alla fine aggiungere il burro fuso. Versate il composto in uno stampo da plum-cake e cuocete in forno per circa 1 ora.

 

Categoria: Cake, Dolci, Pane Pizze & Focacce, Viaggi | Nessun Commento »

Comments